Taglio delle tasse in busta paga: ecco chi avrà i maggiori vantaggi secondo la recente simulazione

Advertisement

Il taglio delle tasse è uno di quegli argomenti che continua ad assillare la politica italiana.

In questi giorni anche il governo presieduto da Mario Draghi si trova alla prese con il taglio delle tasse. Misura quanto mai necessaria, se consideriamo che il nostro Paese è tra quelli che ha il cuneo fiscale tra i più alti esistenti. Taglio delle tasse e cuneo fiscale sono due termini che viaggiano insieme. Misura infatti la differenza tra quanto percepisce un lavoratore e quanto invece paga l’azienda che eroga gli stipendi.

Leggi anche: Aumento delle pensioni da gennaio 2022, ma non sarà uguale per tutti: ecco chi ne avrà diritto

Advertisement

L’annuncio del Governo sul taglio delle tasse

Da quanto si apprende il governo ha stanziato 8 miliardi di euro sull’annunciato taglio delle tasse, che per buona parte saranno destinati a ridurre il cuneo fiscale. Con questa manovra quindi saranno disponibili maggiori risorse, quanto mai necessarie per affrontare un inverno che non si preannuncia affatto semplice.

Tra maggiori spese per le bollette ed aumenti del carburante il Natale post Covid non si prevede molto facile.

Leggi anche: “Conviene lasciare il riscaldamento acceso tutto il giorno o spegnerlo?”:  ecco come risparmiare sulla bolletta del gas e riscaldare adeguatamente casa nei mesi freddi

Advertisement

Taglio delle tasse

Chi avrà i maggiori vantaggi?

Chi avrà il maggiore beneficio dall’annunciato taglio delle tasse? La Fondazione dell’unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili ha provato a fare delle elaborazioni per capire chi saranno coloro che avranno i maggiori benefici.

I maggiori vantaggi del taglio delle tasse li avrà chi ha un reddito superiore a 40mila euro. Questo grazie a un aumento in busta paga fino a 1.056 euro, anche senza poter godere di bonus.

In Italia il sistema delle detrazioni consente infatti di avere a disposizioni maggiori somme potendo contare, ad esempio, sui bonus per i figli. La riduzione del cuneo fiscale in busta paga preventivato dal Governo con il taglio delle tasse punta a dare una corposa sforbiciata su quanto percepito. Già in passato abbiamo sentito annunci e propositi, naufragati in seguito per diverse ragioni.

Occorre allora attendere la legge di Bilancio per capire in concreto come questo annunciato taglio delle tasse si tradurrà nella realtà.

CONDIVIDI ☞