Scacciato ma non domato: Puzzer non si arrende e ci riprova. Il leader del movimento No Green pass torna in piazza a Trieste: “Arriveremo a Ginevra all’Onu dove non prenderemo il Daspo”

Advertisement

L’ex sindacalista dei portuali di Trieste, Stefano Puzzer è tornato a farsi portavoce delle proteste no Green pass in Italia, scendendo di nuovo in piazza, dopo aver atteso delle risposte sul lasciapassare che però non gli sono state fornite. Per tutta risposta invece Puzzer si è visto recapitare da parte della Questura di Roma un foglio di via obbligatorio, con divieto di soggiorno nella Capitale per un anno.

Leggi anche: “Silvio Berlusconi nuovo Presidente della Repubblica”: tra incontri ad Arcore, ostacoli e possibilità, ecco la strategia del Cavaliere e le parole della figlia Marina

Così il leader del movimento ribattezzato “Gente come noi” ha deciso di continuare a guidare le manifestazioni no Green Pass nella città di Trieste in occasione del “No paura day” che ha chiamato a raccolta circa 500 persone. Nel corso della manifestazione hanno preso parte anche nomi noti come nel caso di: Carlo Freccero, ex direttore di Rai 2; Paolo Sceusa, presidente emerito di sezione in Cassazione ed ex giudice del tribunale dei minori di Trento e Trieste; Alessandro Meluzzi, psichiatra sospeso dall’Ordine dei medici di Torino dopo essersi sottratto al vaccino.

Advertisement

Stefano Puzzer torna in piazza diritti

Stefano Puzzer torna in piazza a Trieste a guidare le proteste dei no Green Pass

Prendendo la parola in presenza dei manifestanti, Stefano Puzzer ha annunciato i suoi propositi per il futuro: “Non si molla. Porteremo il nostro tavolino e le nostre sedie a Ginevra all’Onu, dove non prenderemo il Daspo, abbiamo ricevuto l’accredito. […] Noi come portuali andremo lì, però ci vestiremo di ogni categoria esistente: uno di noi si vestirà da sanitario, io farò la casalinga, uno farà il nonno, uno il bimbo, uno la maestra, uno l’avvocato, uno il magistrato”.

Leggi anche: “Cosa sta succedendo?” L’Oms rilascia una dichiarazione clamorosa sui vaccini: “Niente vaccino ai bambini e la terza dose per gli adulti sani non è necessaria”

Advertisement

Un discorso concitato che Stefano Puzzer ha voluto chiudere lanciando una sorta di moto di incoraggiamento affermando: “Saremo tutti lì e lotteremo per i nostri diritti, per la nostra Costituzione e soprattutto per la nostra libertà”.

CONDIVIDI ☞