Marito e moglie no-vax finiscono in terapia intensiva nella stessa stanza: la coppia contagiata dal Covid versa in fin di vita

Advertisement

Marito e moglie non vaccinati sono degenti in ospedale a Padova in gravi condizioni: dopo essere stati contagiati dal Covid il loro quadro clinico è drasticamente peggiorato. La coppia di coniugi originaria della Bulgaria si trova nella stessa stanza dopo che si è presentata in ospedale in condizioni serie, evidenziando problemi di tipo respiratorio. I due 50enni entrambi non vaccinati hanno contratto il Covid una decina di giorni fa ed adesso versano in gravi condizioni in terapia intensiva.

Leggi anche: “Massima attenzione, oggi si trasmette diversamente”: l’allarme di Roberto Burioni sulla diffusione del Covid preoccupa gli italiani

Dopo la conferma del contagio, marito e moglie non vaccinati sono stati ricoverati dapprima in stanze separate, in seguito sono stati riuniti nella box Covid, dove i medici li hanno attaccati ai respiratori viste le difficoltà respiratorie.

Advertisement

Padova marito moglie no vax in fin di vita

Marito e moglie entrambi non vaccinati finiscono in terapia intensiva in gravi condizioni

Dopo il loro arrivo in ospedale i coniugi hanno confessato di non essersi vaccinati, a loro volta i medici hanno cercato di raccogliere la loro storia clinica e di capire perché non si erano vaccinati. In tempi rapidi però la coppia è peggiorata costringendo il personale medico a ricoverarli in terapia intensiva in un’unica stanza, dove sono stati intubati ed attaccati ai respiratori, tenuti in vita da: pompe infusionali, macchinari per la dialisi e bombole di ossido nitrico.

Leggi anche: Esce dal ristorante e crolla a terra, Massimo muore a 46 anni per un malore improvviso: la città sotto choc

Advertisement

I due coniugi, che hanno contratto il virus in seguito al rifiuto del vaccino, sono stati collocati insieme nella stessa stanza del reparto di terapia intensiva, un caso che fa trapelare una grossa criticità, che si sta evidenziando nell’ultimo periodo in Veneto. Nella Regione il numero dei contagi e dei ricoveri ha ripreso a salire, mettendo di nuovo in allerta il personale medico-sanitario regionale e le autorità sanitarie.

 

CONDIVIDI ☞