“Essere mancini è una questione genetica”: lo rivela uno studio che relaziona il mancinismo all’asimmetria del cervello

Advertisement

Il mondo della scienza ha rivelato che essere mancini è una questione genetica: un recente studio ha evidenziato che la condizione nota con il nome di mancinismo è legata ad uno spostamento verso destra dell’asimmetria cerebrale con base genetica. Anche se non è nota quale sia la reale causa della condizione, la scienza propone come possibile risposta all’uso prevalente della mano sinistra una relazione diretta con il sistema nervoso centrale.

Leggi anche: La tecnologia mRna si applica non solo ai vaccini ma anche in agricoltura per raddoppiare i raccolti e resistere alla siccità

Dunque la predominanza di un arto sull’altro nasce nel cervello, tenendo conto che la parte sinistra del corpo è sotto il controllo dell’emisfero destro e quella destra dell’emisfero sinistro.  Nei mancini, la corteccia motoria nella parte destra del cervello è dominante per quanto riguarda il “comportamento motorio fine”, mentre nei destrimani la corteccia motoria sinistra è più affinata.

Advertisement

Essere mancini

Essere mancini è una questione genetica

In base alle conclusioni dello studio, pubblicato su Biorxiv in attesa di peer review, è emersa una marcata correlazione tra mancinismo ed asimmetrie nella struttura cerebrale: questo dato è stato rilevato indagando le differenze strutturali del cervello tra soggetti mancini e destrimani, ma anche esaminando la connessione diretta tra genetica, manualità e struttura cerebrale.

Leggi anche: Cherofobia: come si manifesta la paura irrazionale della felicità e quali conseguenza ha sulla socialità

Advertisement

Servendosi delle imaging cerebrale di 28.802 destrimani e 3.062 mancini, messe a disposizione dalla UK Biobank, gli autori dello studio hanno avuto modo di esaminare le asimmetrie in tutte le aree cerebrali e la variazione genetica associata alla manualità ed alla struttura cerebrale. Dopo aver confrontato e sovrapposto i dati raccolti, i ricercatori hanno concluso che essere mancini ha un’origine genetica, in quanto dipende dallo spostamento a destra delle asimmetrie strutturali emisferiche della superficie corticale in otto aree del cervello, a cui si aggiunge uno spostamento verso destra nelle asimmetrie strutturali emisferiche nello spessore corticale in due aree cerebrali.

Le conclusioni dello studio

Dallo studio si è così evinto che il mancinismo dipende da uno spostamento delle risorse neuronali verso l’emisfero destro dominante motorio. Ma il team di ricerca ha sviluppato lo studio aggiungendo una seconda fase di indagine, per sottoporre ad esame i fattori genetici ed identificare quelli collegati alle asimmetrie del cervello nelle aree differenti tra i soggetti mancini e quelli destrimani.

Così si sono individuate due regioni del cervello interessate dalla predisposizione al mancinismo con marcato spostamento verso destra delle asimmetrie cerebrali, un dato che ha segnalato la correlazione tra una base genetica ed il mancinismo, da rintracciare nelle stesse asimmetrie nella conformazione cerebrale.

CONDIVIDI ☞