Bonus Inps senza Isee: i requisiti per ottenere gli aiuti economici da 960 a 1500 euro previsti dal Governo Draghi e come richiederli

Advertisement

Il Governo Draghi ha istituito una serie di Bonus Inps senza Isee i cui beneficiari sono diverse categorie di cittadini, non solo le famiglie ma anche i lavoratori. Questo pacchetto di incentivi può essere richiesto senza che tra i requisiti venga presentato l’Isee, ossia l’indicatore relativo alla situazione economica del nucleo familiare di riferimento, che sostanzialmente attesta il proprio patrimonio e reddito. Si tratta di una serie di sussidi che possono essere richiesti a patto di essere in possesso dei relativi requisiti.

Leggi anche: “Nuovo bonus idrico fino a 1.000 euro per gli italiani”: a chi spetta e come ottenerlo entro il 31 Dicembre 2021

La linea guida dell’esecutivo è stata quella di tendere una mano ai soggetti che hanno maggiormente risentito degli effetti economici legati al contesto pandemico. Il Governo ha infatti previsto tra i Bonus Inps senza Isee diversi aiuti da destinare alle famiglie con figli piccoli, ossia delle agevolazioni che si rivolgono alle madri ed ai nuclei con figli che vanno alle scuole materne, ma trovano spazio anche dei sostegni economici per i lavoratori autonomi.

Advertisement

Bonus Inps senza Isee da 960 1500 euro

Bonus Inps senza Isee

Bonus Bebè

Per sostenere le neo mamme il Governo ha pensato ad un sostengo economico che viene assegnato fino al compimento del primo anno di età del bambino o del primo anno di ingresso nel nucleo di un figlio adottivo; la somma erogata ogni mese si rivolge infatti anche alle famiglie con figli adottati oppure in affido preadottivo. Si precisa che la domanda per richiedere il relativo bonus può essere presentata nel caso di indicatore relativo alla situazione economica del nucleo familiare di riferimento superiore a 40mila euro ma anche in assenza di Isee, con importi che vengono modulati in base ad ogni caso.

Advertisement

Bonus asilo nido 

Si tratta di contributo di massimo 1000 euro che viene stanziato per agevolare il pagamento delle rette di asili nido pubblici o privati autorizzati, ma anche per fare ricorso a delle forme di assistenza per bambini affetti da condizioni fisiche particolari che necessitano di un aiuto ad hoc. Nel caso di questo sostegno economico, il suo importo è modulabile, fino ad un massimo 3mila euro nel caso di un valido Isee minorenni.

Leggi anche: Bonus vacanze Natale 2021: ecco tutto quello che c’è da sapere per ottenere fino a 500 euro e come può essere utilizzato da tutta la famiglia

Bonus mamme domani 

Questo sussidio è indirizzato alle donne incinte o donne che hanno da poco partorito, ma è destinato anche a chi ha accolto in casa un bambino in adozione oppure in affido preadottivo. Il contributo pari a 800 euro viene erogato in un’unica soluzione a chi ne ha fatto richiesta e ne ha diritto.

Indennità per lavoratori autonomi (ISCRO)

Nell’elenco dei Bonus Inps previsti dal Governo figura anche una misura di sostegno che si rivolge ai liberi professionisti iscritti alla Gestione separata Inps, prevista dalla legge di Bilancio 2021 (legge 178/2020). Quest’agevolazione è rivolta a coloro che esercitano per professione abituale un lavoro autonomo, i quali possono ricevere un incentivo mensile variabile tra i 250 e gli 800 euro in base ai requisiti individuali posseduti dal richiedente. L’Indennità Straordinaria di Continuità Reddituale e Operativa (ISCRO) è prevista non solo per il 2021, ma anche per il 2022 ed il 2023.

 

CONDIVIDI ☞