Bonus 1000 euro senza ISEE, il regalo di Draghi per tutti gli italiani: ecco come averlo e tutte le novità al riguardo

Advertisement

Il Governo Draghi ha promosso un Bonus 1000 euro senza ISEE, per limitare il consumo di acqua nelle abitazioni e così garantire il risparmio idrico. Si tratta di un’agevolazione fiscale che si può richiedere nel 2022 e nel prossimo anno per rinnovare casa non preoccupandosi del requisito legato al reddito del contribuente. Un provvedimento che il Governo ha stabilito nella Legge di Bilancio 2022 mentre spetterà all’Agenzia delle Entrate accreditare il contributo economico sul conto corrente dei beneficiari, che per poter usufruire dell’agevolazione devono presentare l’apposita domanda.

Il Bonus 1000 euro senza ISEE è stato prorogato dall’esecutivo Draghi che ha messo a disposizione dei cittadini uno stanziamento di 20 milioni di euro per il 2022. Si tratta di un’agevolazione che può essere richiesta da tutti, visto che non si deve presentare l’indicatore della condizione reddituale del richiedente, anche se sono indispensabili altri requisiti per poter beneficiare l’agevolazione in questione.

Il Bonus idrico 2022 introdotto dal Ministero per la Transazione Ecologica (MITE) a partire dal 17 febbraio si rivolge a tutti i contribuenti che vogliono migliorare il sistema idrico in cucina o nel proprio bagno. La presentazione della relativa domanda per ottenere il rimborso previsto può essere inoltrata da coloro che sono in possesso della serie di requisiti richiesti. Si precisa infatti che l’agevolazione spetta a tutti i cittadini, persone fisiche, residenti in Italia.

Advertisement

Bonus 1000 euro tutti senza ISEE

Bonus 1000 euro senza ISEE per ridurre gli sprechi idrici

Questa detrazione fiscale viene attribuita esclusivamente per installare nuovi sistemi di risparmio idrico su immobili già esistenti o sue parti, mentre non si può richiedere su immobili di nuova costruzione. Il Bonus da 1000 euro copre solo il rimborso delle spese sostenute per acquistare ed installare degli specifici sistemi che agevolano una migliore erogazione della risorsa idrica, permettendo anche di risparmiare sui consumi. L’agevolazione riguarda le spese affrontate nell’arco di tempo compreso da gennaio fino alla fine dello stesso anno, ma le spese devono risultare tracciabili e gli acquisti devono riguardare: rubinetti, miscelatori, colonnine doccia, vasi sanitari.

Per ottenere il riconoscimento del Bonus idrico, entrato in vigore nel 2022, gli interessati devono rivolgersi alla specifica piattaforma Bonus idrico 2022 creata dal MITE dove inoltrare le domande per richiedere l’agevolazione. Una volta verificati i requisiti richiesti si può ottenere il Bonus senza ISEE da 1000 euro che mira a ridurre il consumo idrico ed a tagliare i costi relativi alla bolletta. Il Bonus da 1000 euro senza ISEE offre la possibilità di realizzare interventi di ristrutturazione o di rinnovare cucina e bagno in caso di acquisto ed impianto di servizi igienici e di sistemi che favoriscono una sostanziale limitazione del consumo dell’acqua.

Advertisement

Leggi anche: Bonus Inps senza Isee: i requisiti per ottenere gli aiuti economici da 960 a 1500 euro previsti dal Governo Draghi e come richiederli

Quindi non tutte le spese sono agevolabili ma devono rispettare delle condizioni ad hoc, relative al tipo di prodotto da rinnovare oppure introdurre. In partica tra le spese che risultano coperte dal Bonus sul risparmio idrico, ci sono quelle relative ai dispositivi che permettono di ridurre la portata d’acqua o lo scarico. Ma per sapere le voci agevolabili si consiglia di consultare le FAQ del MITE: è possibile comprare ed installare solo quei dispositivi che rispondono ai requisiti richiesti a prescindere dal prezzo. In più si precisa che i costi che riguardano la dismissione dei vecchi dispositivi ricadono nel Bonus idrico, come anche le opere murare e idrauliche che vengono richieste per rendere possibile impianti.

Leggi anche: Addio autovelox nascosti, cambia tutto: il divieto verrà esteso anche alle auto civetta. Ecco cosa c’è da sapere

CONDIVIDI ☞