“Il virus resterà con noi a lungo. Per sconfiggere il Covid bisogna vaccinare tutti “: Antonella Viola si schiera per l’obbligo vaccinale

Advertisement

La professoressa Antonella Viola in un suo recente intervento sulle colonne de La Stampa ha parlato della necessità di rendere effettivo l’obbligo vaccinale. La docente di patologia generale a Padova nel suo articolo comparso sul quotidiano nazionale ha ribadito che il solo mezzo per sconfiggere il Covid è quello di immunizzare tutta la popolazione, tenendo conto dei contesti epidemiologici del passato.

Leggi anche: Atleta 24enne muore durante una corsa in notturna: un malore fatale spezza la vita di Fabio il giorno del suo compleanno

 

Advertisement

“Come possiamo utilizzare l’esperienza del presente e del passato per immaginare il futuro? Utilizzando la logica e le conoscenze possiamo pensare che il virus resterà con noi, continuando a cambiare. Il nostro sistema immunitario però non sarà più inerme di fronte a un patogeno del tutto sconosciuto: attraverso la vaccinazione estesa a tutta la popolazione mondiale, il virus causerà delle infezioni gestibili più o meno come le epidemie stagionali causate dal virus dell’influenza” – questa la spiegazione di Antonella Viola.

Antonella Viola dice

Antonella Viola si dice favorevole all’obbligo vaccinale

Nel corso della sua lunga argomentazione con cui ha ribadito la necessità dell’obbligo vaccinale, l’esperta ha ribadito che per raggiungere l’importante traguardo è necessaria la vaccinazione di tutta la popolazione. Uno scenario verso il quale sono propensi diversi stati come confermato dalla professoressa che si è dilungata nel commentare questo punto.

Advertisement

Leggi anche: Carlo Cracco finisce sotto una pioggia di critiche per i prezzi del suo locale: lo scontrino “folle” della spremuta fa il giro della rete

“Per queste ragioni, in diversi Paesi europei, si sta valutando l’introduzione dell’obbligo, nonostante le fortissime resistenze di una minoranza della popolazione. Sarebbe auspicabile che tutta l’Europa si muovesse in questa direzione, mostrando unità e lungimiranza. In fondo, a chi ci guida, non chiediamo di prendere decisioni che accontentino proprio tutti ma che siano, per il bene di tutti, le decisioni migliori”.

 

CONDIVIDI ☞