“Squid Game va abolito, è nocivo”: la grande preoccupazione dei genitori per la serie tv responsabile di episodi di violenza tra alunni esplode sul web

Advertisement

“Squid Game va abolito”: questo il monito della Fondazione Carolina, che si occupa della tutela dell’educazione e della sicurezza online dei più giovani. Una tesi sposata anche da tanti genitori, che si sono lamentati dopo alcuni episodi di violenza a scuola con protagonisti i loro figli. È stata così invocata la censura, per bloccare la diffusione del contenuto diseducativo della serie Netflix.

Leggi anche: “Qual è la vera causa di tutte quelle morti attribuite al Covid?”: l’Istituto superiore di Sanità rivela che gran parte dei morti nei primi mesi di pandemia non li ha causati il virus

Oltre a far parlare di sé per dei record, la serie ha suscitato clamore per il suo contenuto duro e per i messaggi controversi, che potrebbero spingere all’emulazione i più giovani. Il k-drama Squid Game ha lasciato il segno diventando la serie più vista dal suo lancio, aprendo anche al dibattito su temi sociali. Il colosso di Los Gatos è infatti stato messo sotto accusa per il suo contenuto violento e non proprio educativo, anche se qualche critico ha letto nel suo immaginario la riproduzione della società contemporanea.

Advertisement

colpa di Squid Game

Squid Game va abolito

Il segretario generale della Fondazione Carolina, Ivano Zoppi ha reso nota la posizione severa della sua associazione a tutela dei minori: “Ci riteniamo una realtà propositiva. Ma di fronte allo sgomento di genitori e maestri delle scuole materne non bastano i buoni propositi; serve un’azione concreta e l’unica soluzione possibile sembra la censura vecchio stampo. Qualcuno storcerà il naso, ma oramai sembra l’unico strumento possibile a difesa del principio di incolumità dei minori”.

La petizione della fondazione vuole sensibilizzare le famiglie invitandole a vigilare sui propri figli per vietare loro la visione della serie tv, che non sarebbe indicata ad un pubblico di adolescenti. Ma l’accesso ai contenuti della serie Neflix sono comunque disponibili su altri canali ossia sui social, che pubblicano scene e citazioni Squid Game.

Advertisement

Leggi anche: “Rischiamo di chiudere tutto a Novembre”: nuovo allarme Covid, ecco cosa sta succedendo

Quindi Ivano Zoppi oltre a chiedere la censura si è scagliato anche contro i genitori ritenuti responsabili dell’acquisizione di messaggi nocivi in quanto grandi assenti: non sorvegliano correttamente i propri figli e non contribuiscono a fargli comprendere la differenza tra realtà e serie tv. Squid Game è stata messa sotto accusa non solo per la violenza, ma anche per alcune crude rappresentazioni della società moderna, dei contenuti che potrebbero essere interpretati in modo falsato da un pubblico giovane che andrebbe guidato nella visione da un adulto per una corretta decodifica dei messaggi.

CONDIVIDI ☞