Reddito di cittadinanza, maxi truffa da 20 milioni di euro: spuntano su TikTok i video dei “furbetti” con in mano mazzette di banconote intascate con falsi nomi

Advertisement

Un’inchiesta della Guardia di Finanza ha stanato una banda di furbetti che aveva messo in piedi una maxi truffa del Reddito di cittadinanza dal giro di 20 milioni di euro. I video scovati sui TikTok, finiti agli atti della procura di Milano, mostrano diversi soggetti, tra cui bambini, con in mano pile di banconote ottenute dalla banda che gestiva la rete criminale.

Leggi anche: Novità in arrivo per il Reddito di cittadinanza, pronta la bozza per modificare il sussidio statale: “Non sarà più percepito da chi rifiuta il lavoro”

Le indagini hanno permesso di scoprire l’associazione a delinquere italo-romena che presentava le domande per richiedere il sussidio al patronato Sias ed al Caf. La procura di Milano ha spiccato l’ordine di 16 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti dei furbetti che avevano creato la prolifera rete criminale. Si tratta di una vera e propria associazione mafiosa che oltre a conseguire il Reddito di cittadinanza era dedita all’estorsione.

Advertisement

La maxi truffa Reddito cittadinanza

La maxi truffa Reddito di cittadinanza

Le indagini condotte dalla Guardia di Finanza di Cremona e Novara, hanno permesso di finalizzare l’arresto dei 16 membri della banda dei truffatori, accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche, estorsione e truffa aggravata. La rete era ben organizzata e con un profilo di alto livello di professionalità criminale. In totale si sono contate 9 mila denunce di soggetti che grazie alla complicità di Caf e di patronato Sias hanno presentato i codici fiscali di un gran numero di cittadini romeni, circa un centinaio, per appropriarsi illecitamente del Reddito di cittadinanza.

Leggi anche: La stretta del Governo sul Reddito di cittadinanza: 5 euro in meno ogni mese e sospensione del sussidio se si rifiutano due offerte di lavoro

Advertisement

I complici dell’organizzazione criminale avevano il compito di espletare le relative pratiche per persone che in molti casi non avevano mai messo piede nel nostro Paese, i soggetti che si rifiutavano venivano minacciati. Secondo quanto emerso nell’ambito della maxi truffa, alcuni complici si recavano personalmente presso le Poste per ritirare le card del Reddito di cittadinanza. Sono poi saltati fuori in rete i video che i truffatori sprezzanti postavano su Tik Tok, con musiche di sottofondo mentre contavano pile di contanti incassati con la rete criminale.

 

CONDIVIDI ☞