Green Pass e pensione, dal primo febbraio cambia tutto: ecco le nuove regole

Advertisement

Il Green Pass sta diventando sempre più uno strumento insostituibile nella vita degli italiani. Dal 1 febbraio, infatti, la certificazione verde servirà anche per ritirare la pensione. Di quale Green Pass si tratta? Come potranno procurarselo i pensionati? Il Governo Draghi ha stabilito che, per avere accesso libero ad uffici pubblici, banche e poste sarà indispensabile essere muniti di Green Pass, allo scopo di arginare il contagio da Covid-19.

Sarà necessario avere il Pass anche per accedere ad attività commerciali, tranne quelle preposte alla vendita di beni di prima necessità. Le disposizioni emanate dal Governo Draghi sono molto chiare e nette, non lasciando spazio ad alcun dubbio: la certificazione verde si sta facendo sempre più strada nella quotidianità degli italiani.

Inoltre, non va dimenticato che, a partire dal 20 gennaio, l’obbligo di Green Pass è stato esteso anche a settori relativi alla cura della persona, come: barbieri, parrucchieri ed estetisti. È essenziale comprendere di quale Green Pass si tratti, dato che ci sono due tipologie: una certificazione base, ottenibile con un semplice tampone che dia esito negativo ed un Super Green Pass, ottenibile mediante vaccinazione.

Advertisement

Green Pass: ecco quale serve per poter ritirare la pensione

Il Green Pass necessario affinchè un anziano possa ritirare la pensione, secondo le previsioni del Governo Draghi, è quello base, ottenibile sottoponendosi ad un tampone che dia esito negativo, in modo tale da fugare ogni dubbio di contagio. Il tampone previsto per avere tale tipo di Green Pass è quello rapido o, in alternativa, molecolare, considerati tra i più attendibili.

Green Pass- ecco quale serve per poter ritirare pensione

In origine, la prima bozza del decreto emanato dal Governo Draghi prevedeva che servisse il Green Pass anche per quelle attività ”indifferibili e urgenti connesse alla riscossione, presso gli sportelli delle Poste Italiane Spa e degli istituti di credito abilitati, di pensioni o emolumenti, comunque denominati, non soggetti ad obbligo di accredito.”. Dunque, la bozza iniziale era sicuramente più stringente, riguardando anche le somme non soggette ad accredito.

Advertisement

Leggi anche: Omicron 2 arriva in Italia e preoccupa gli esperti: 8 sintomi della variante a cui prestare attenzione

Tuttavia, in un secondo momento, tale ipotesi ha lasciato spazio ad una nuova previsione, segnando un poderoso cambio di rotta nella regolamentazione della vita degli italiani, in seguito alla diffusione del Covid-19 e delle sue varianti.

CONDIVIDI ☞