Fabrizio Pregliasco, previsioni drammatiche per il Natale: “Potremmo arrivare a 30-40 mila casi al giorno. Ecco perché la terza dose inevitabile”

Advertisement

Fabrizio Pregliasco intervenuto come ospite nella trasmissione Tagada su LA7, ha fotografato la situazione pandemica nel nostro Paese, prevedendo un incremento dei contagi in vista del Natale, a cui porre rimedio in fretta affidandosi alla terza dose di vaccino anti Covid.

Leggi anche: “12 milioni di morti in Italia evitati grazie ai vaccini Covid. Tenuta a bada anche la variante Delta”: i dati ufficiali dalla Fondazione Bruno Kessler

L’esperto prendendo la parola ha esaminato il contesto attuale con occhio critico: “[…] Il virus ci ha fregato in tante situazioni. È facile fare il menagramo e dire che ci è andata bene. Mi trovo davvero in difficoltà. Ho visto delle proiezioni a quattro settimane di alcuni modelli matematici che colleghi epidemiologi stanno mettendo a punto e fanno vedere un incremento dei casi“.

Advertisement

A Natale potremmo arrivare 30-40 mila

Fabrizio Pregliasco sulla terza dose del vaccino anti Covid

Secondo le previsioni di Pregliasco l’incremento dei contagi è destinato a raggiungere un numero preoccupante: L’incremento sarà esponenziale come quello già conosciuto? Potremmo arrivare ad un 30-40 mila verso Natale. Valori che ci vedono ancora messi meglio rispetto ad altre nazioni. Vedremo quale sarà la tenuta complessiva e quante e quali variazioni sul tema ci saranno sulle già per noi più stringenti azioni […]”.

Leggi anche: Antonio Martino, dichiarazioni choc contro il Green pass: “Marchiati a fuoco”. L’ex ministro si scatena furioso a Quarta Repubblica

Advertisement

Durante la sua partecipazione in remoto a Tagada, Pregliasco ha parlato anche dell’impatto di questo esponenziale aumento di contagi sugli ospedali e sulle terapie intensive che troverà un supporto nella stessa vaccinazione: Abbiamo il vaccino e questo fa la differenza. Vale anche per gli altri Paesi dove si sono ben vaccinati quella proporzione non c’è più ed ancora adesso possiamo dire che i tre quarti delle persone ricoverate sono non vaccinate” – ha spiegato Fabrizio passando da un tono allarmistico ad uno più ottimista.

CONDIVIDI ☞