Antonio Martino, dichiarazioni choc contro il Green pass: “Marchiati a fuoco”. L’ex ministro si scatena furioso a Quarta Repubblica

Advertisement

Antonio Martino è tornato a far sentire la sua voce con la sua recente apparizione a Quarta Repubblica dove oltre ad evocare il passato, snodando una sorta di lezione sul liberalismo, ha anche affrontato un tema caldo come quello del Green pass. Dopo aver menzionato il fatto che viene spesso definito un “euroscettico” ha speso parole positive sul Cavaliere commentando: “Silvio Berlusconi può fare il presidente della Repubblica? Uno come lui in Italia non ce n’è”.

Leggi anche: Green Pass, salviamo il Natale! Cambiano le regole su tamponi e vaccino: le revisioni del Governo e quando entreranno in vigore

Tra i temi di attualità affrontati dell’ex ministro, immancabile il parere sul Reddito di cittadinanza definito una sorta di imposta fraudolenta, ma Antonio Martino ha dato il meglio di sé argomentando sul Green pass in modo tagliente.

Advertisement

“Trovo assolutamente ingiustificata l’assurdità dell’obbligatorietà del Green pass sarebbe stato più semplice chiedere che venissimo marchiati a fuoco una volta che ci vaccinavano. Si sarebbe visto subito. […] Quando ci sono state le manifestazioni contro il green pass, che cosa hanno pensato di dire i quaquaraquà che dicono di governarci? Che erano degli squadristi fascisti. Ora, è probabile ci fossero esponenti di Forza Nuova fra i manifestanti. Ma saranno in totale due dozzine di nostalgici del fascismo: e questi avrebbero la capacità di mobilitare migliaia di persone per protestare contro il Green pass?”.

Martino scatenato contro green pass

Il parere di Antonio Martino sul Green pass

Spaziando tra passato e presente l’ex ministro ha puntato il dito contro la certificazione verde, considerandola una negazione della libertà individuale, che a suo dire, è una cosa molto seria che non si può sacrificare in nome del diritto alla salute. Dopo questo preambolo ha citato le parole di Stefano Puzzer, leader dei portuali di Trieste, invitando il ministro Speranza a riflettere su di esse: “Noi siamo per la libertà di scelta: ti vuoi vaccinare, ti vaccini. Non ti vuoi vaccinare, non ti vaccini”.

Advertisement

Leggi anche: “I No-Vax sono persone psicologicamente fragili e vi spiego il perché ”: Andrea Crisanti affronta le fobie di chi rifiuta il vaccino

Concludendo la sua lezione sulla libertà di scelta, Antonio Martino ha asserito: “Questa è l’essenza del liberalismo. Quella libertà che anche Dio ha concesso agli uomini, nonostante i dogmi. Esistono il vizio e la virtù perché siamo liberi di scegliere. Il Padreterno è il più grande liberale”.

CONDIVIDI ☞