Roberto Burioni con numeri alla mano smentisce i no-vax: “Sono morti 150.000 italiani in più di quelli che ci aspettavamo tra marzo 2020 e luglio 2021”

Advertisement

Roberto Burioni ospite della trasmissione di Fabio Fazio, Che Tempo che fa, in onda su Rai 3, ha scardinato le tesi dei no-vax portando a sostegno delle sue parole i dati reali, nudi e crudi: così analizzando i numeri relativi ai decessi per Covid-19, che si sono verificati in Italia, ha sconfessato le teorie prive di fondamento di chi osteggia il vaccino.

Leggi anche: “Entro Natale il vaccino anti Covid ai bambini di 5-11 anni per scuole più sicure”: Bassetti e Pregliasco favorevoli alla proposta di vaccinare i più piccoli

Il virologo ospite nella trasmissione di Rai 3 ha fatto un’attenta analisi dei dati relativi alle vittime falciate dalla pandemia nel nostro Paese, incominciando con tono critico a smontare le tesi no-vax: “Questa sera cominciamo con un numero: 3783. Il numero dei morti per la pandemia secondo una narrazione antiscientifica e irreale fatta propria da no-vax e media. Questo però non è vero”.

Advertisement

Roberto Burioni smentisce no-vax

Roberto Burioni smentisce i no-vax e parla di mancanza di rispetto

Nel corso di una vera e propria lezione accademica, il virologo si è soffermato sul numero effettivo dei decessi causati dalla pandemia in Italia. Così Roberto Burioni nel suo intervento a Che Tempo che si è appellato ai dati numerici commentando: “Se andiamo a vedere questi numeri inconfutabili, scopriamo che dal 1945 al 2020 la mortalità dell’anno scorso ha eguali soltanto negli anni della guerra. Quindi si tratta di una tragedia senza precedenti”.

Leggi anche: “Qualcosa non quadra! Non tornano i numeri su morti e letalità”: lo scontro tra Carlo Freccero e Andrea Crisanti in diretta tv infiamma i telespettatori

Advertisement

Per confermare le sue parole e screditare le congetture dei no-vax, basate su una visione antiscientifica e non veritiera, il virologo italiano ha citato una cifra allarmante.  “Nel periodo del 1 marzo 2020 al luglio 2021 sono morti 150 mila italiani più di quelli che ci aspettavamo. Sminuire questo è mancanza di rispetto verso tutti quelli che hanno subito conseguenze economiche, sociali e personali in tutto questo drammatico periodo” – ha chiosato Roberto Burioni nel corso dello spazio dedicato al suo intervento, durante la trasmissione di Fabio Fazio.

 

CONDIVIDI ☞