Matteo Bassetti, la dichiarazione shock su Omicron: “Le mascherine non la fermano, ecco cosa bisogna fare”

Advertisement

Matteo Bassetti continua la sua campagna a favore della vaccinazione, sostenendo in ultima battuta che la lotta contro Omicron non si può combattere solo con le mascherine, l’unico strumento valido vista la sua alta contagiosità si conferma il vaccino anti Covid.  L’infettivologo del San Martino di Genova si è addentrato nelle spiegazioni in un video condiviso su Facebook in cui ha spiegato come superare l’ondata di contagi veicolata dalla variante Omicron.

Nel suo discorso affidato ai canali social, Bassetti ha commentato: “Gli inglesi tolgono le mascherine all’aperto, lo fanno i francesi dal primo febbraio, non l’hanno mai messa gli spagnoli, quindi forse le mascherine all’aperto non servono come qualcuno pensava, dopo che in Italia abbiamo messo l’obbligo delle mascherine all’aperto mi pare che i contagi si siano solo moltiplicati”.

Matteo Bassetti, la dichiarazione shock Omicron

Advertisement

Matteo Bassetti fa il punto sui contagi veicolati da Omicron

Per precisare il perché le mascherine all’aperto non rappresentano più un’arma così efficace, l’esperto ha poi proseguito la sua perorazione aggiungendo: “Non sono certo che le mascherine hanno tenuto fermo il contagio, la variante Omicron corre più veloce delle restrizioni. L’unico strumento che abbiamo per limitare le varianti Omicron e Delta nelle loro conseguenze più gravi è la vaccinazione, tre dosi di vaccino praticamente ci mettono in una botte di ferro. È questo che dobbiamo dire ai cittadini senza più dirgli di mettersi la mascherina. Una variante così contagiosa le mascherine non la fermano, l’unico strumento per fermarla è la vaccinazione soprattutto con la tripla dose. Dobbiamo incoraggiare tutti a farla”.

Leggi anche: L’allerta dell’Ema sul vaccino anti Covid: “Non possiamo continuare con booster ogni 3-4 mesi”

Ma secondo le previsioni di Bassetti si sta uscendo dal picco dei contagi diffusi dalla quarta ondata di Covid, sostenuta dalla variante sudafricana, come dimostrano i numeri relativi all’ultima settimana leggendo soprattutto quelli sui ricoveri in terapia intensiva, che rappresentano l’ago della bilancia che valuta la gravità della malattia. L’infettivologo ha inoltre analizzato un altro dato che fa ben sperare: quello relativo ai contagi, che si è attestato attorno al 15% nell’ultima settimana. Bassetti ha definito il quadro attuale “fase di plateau” in attesa dei prossimi aggiornamenti sul Covid, che anche secondo il suo parere sta scemando la sua fase pandemica per attestarsi ad un virus endemico.

Advertisement

Leggi anche: Fabio Fazio, una furia scatenata contro i No Vax, accuse pesanti: “È inammissibile, a causa loro i malati oncologici devono…”

CONDIVIDI ☞