Matteo Bassetti si scaglia a muso duro contro i non vaccinati: “Non vaccinarsi vuol dire giocare alla roulette russa”

Advertisement

Ancora una volta, Matteo Bassetti ha alzato la voce per rivolgere un duro attacco contro lo zoccolo duro dei non vaccinati. Nel corso del suo intervento a Mattino Cinque News, l’infettivologo ha ribadito che contro il Covid la sola arma vincente è quella di sottoporsi a vaccinazione, dal momento che la convivenza con il virus è destinata a proseguire.

Leggi anche: A Zona Bianca, Matteo Bassetti interviene sul caso di Al Bano: “Ecco perché ci si contagia con la terza dose”

“L’unico modo per convivere col virus è la vaccinazione” – queste le parole del direttore della Clinica di malattie infettive del San Martino di Genova ai microfoni del format mattutino di Canale 5, inoltre l’esperto ha aggiunto che è necessario da parte del governo intraprendere una strada più rigorosa per chi non è vaccinato. Matteo Bassetti su questo punto è stato chiaro commentando: “Credo che sia giusto, perché noi dobbiamo convivere con questo virus, togliendo il più possibile le restrizioni in essere e l’unico modo per farlo nel breve periodo è quello di essere tutti vaccinati o, comunque, protetti dalla infezione più grave”.

Advertisement

Covid Bassetti vaccini

Matteo Bassetti attacca ancora una volta i non vaccinati

Ospite della trasmissione Mattino Cinque News, l’infettivologo ha analizzato il quadro dei contagi chiarendo: “Con la variante Omicron, il virus si diffonderà velocemente e le persone non vaccinate si contageranno, e, ovviamente, rischieranno molto di più dei vaccinati, d’altronde questa è una loro scelta. Noi medici saremo pronti a curarli, come abbiamo fatto sempre”.

Leggi anche: Variante Omicron, la clamorosa notizia che nessuno racconta: “Il virus assomiglia sempre più ad un’influenza malgrado l’aumento dei casi”

Advertisement

Dopo questo preambolo, il direttore della Clinica di malattie infettive del San Martino di Genova è passato a sferrare un duro attacco contro i non vaccinati, per ribadire la sua perentoria posizione: “Mi pare, però, evidente che oggi non vaccinarsi vuol dire mettersi a rischio di una potenziale roulette russa. Diciannove volte su venti va bene, una volta su 20 può andare male”.

CONDIVIDI ☞