Grounding: tutti i benefici e le sensazioni positive che assicura il contatto dei piedi nudi con la terra

Advertisement

Stare a terra a piedi nudi garantisce diversi effetti benefici, si tratta di una pratica conosciuta dalla bioenergetica con il termine di grounding (letteralmente “radicamento”, e si suggerisce di eseguire la pratica immaginando di avere delle radici che partono dai piedi). Una sana abitudine che stimola la corrente di eccitazione che scorre attraverso le gambe fino ai piedi ed al terreno.

Leggi anche: I disturbi del sonno ci danneggiano: riposare male espone a problemi di salute di tipo cronico

Il contatto diretto con la terra mette a disposizione non solo delle sensazioni positive, ma anche dei vantaggi di cui può godere tutto il corpo. Si ottengono infatti una serie di effetti che favoriscono il benessere psicofisico generale. Camminare a piedi nudi, che riporta a recuperare il contatto diretto con la natura oltre ad interagire con l’ambiente circostante, è un metodo della bioenergetica che incoraggia a mettere a nudo i propri piedi, liberandoli dalle limitazioni delle scarpe che impediscono di entrare in filo diretto con piacevoli sensazioni.

Advertisement

tutti i benefici del Grounding

I benefici del grounding

Tra i vari benefici del grounding, che si possono scoprire camminando su un prato verde o sulla sabbia, si deve segnalare la gratificazione immediata a livello tattile che si ottiene tramite il contatto tra piede e superficie. Interagire in modo costante con l’ambiente circostante attraverso una relazione fisica è un toccasana per rendere più efficiente il sistema immunitario rendendolo più forte e pronto a prevenire infezioni, infiammazioni e malattie autoimmuni.

Come insegna poi la cultura orientale, i piedi sono dotati di capacità riflessive in quanto i nervi corrispondono a tutti gli organi e le strutture principali del corpo. Attraverso i piedi quindi si può entrare in connessione con la totalità del corpo, e lo scopo del grounding è quello di ripristinare la messa a terra dell’uomo. Una pratica semplice che regala una piena soddisfazione, che si può spiegare chimicamente e fisicamente: infatti la terra è una fonte di campi elettrici sottili che prendono parte al funzionamento del sistema immunitario, ma che coinvolgono anche processi fisiologici e la circolazione.

Advertisement

Altri effetti vantaggiosi da non trascurare

Camminando a piedi nudi si ha la capacità di assorbire dal suolo una benefica carica negativa dotata di una forma di potere di guarigione. Un effetto avvalorato dalle conclusioni di diverse indagini, come nel caso degli studi che hanno dimostrato i benefici del grounding contro le infiammazioni, soprattutto nel caso di condizioni croniche. Questo perché secondo i ricercatori la connessione del corpo con la terra permette agli elettroni liberi dalla sua superficie di distribuirsi nel corpo: gli elettroni mobili creano un ambiente antiossidante utile per attenuare la risposta infiammatoria fisiologica.

Secondo altri studi il grounding ha non solo un effetto analgesico ed antinfiammatorio ma anche anti stress. Ma allo stesso tempo si può beneficare del suo effetto nell’accelerare la guarigione delle ferite e nel ridurre la viscosità del sangue. Altre indagini hanno confermato che camminare a piedi nudi aumenta la variabilità dell’indice cardiaco e stimola i cambiamenti del sistema nervoso autonomo dall’attivazione simpatica a quella parasimpatica. Si consiglia poi in caso di disturbi del sonno in quanto favorisce il processo di normalizzazione del ritmo notturno del cortisolo.

CONDIVIDI ☞