“Modificato con un urgenza e destinato solo alle persone bisognose”: l’ex presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua interviene sul Reddito di Cittadinanza

Advertisement

Le discussioni attorno al Reddito di cittadinanza, da tempo stanno animando il mondo della politica, e su tale tema si è espresso anche Antonio Mastrapasqua, l’ex presidente dell’Inps che nel corso di una sua recente intervista raccolta dall’Adnkronos ha invitato il Governo a rivedere il sussidio statale.

Secondo l’ex presidente dell’Inps è tempo di passare ai fatti, apportando delle concrete modifiche per destinare l’incentivo solo a chi ne ha davvero bisogno. “Sono mesi che tutti gli esponenti politici e anche lo stesso presidente del Consiglio dichiarano che la misura è giusta ma va rivista, allora facciamolo. Questo governo ha la possibilità di fare un decreto che riveda profondamente il reddito di cittadinanza” – queste le parole di Antonio Mastrapasqua ai microfoni dell’agenzia stampa.

necessario rivedere il Reddito cittadinanza

Advertisement

Leggi anche: Aumento delle pensioni da gennaio 2022, ma non sarà uguale per tutti: ecco chi ne avrà diritto

Antonio Mastrapasqua esorta il Governo a rivedere il Reddito di cittadinanza

La rivisitazione del sussidio statale secondo il vicepresidente di Proger Spa e Ceo di Agt International è quanto mai necessaria, per elargire i fondi, che ammontano a 200 milioni di euro, in maniera adeguata. “Questo è un governo politico a guida tecnica ma stiamo parlando di una misura che costa alle casse dello Stato tra i 700 e gli 800 milioni al mese: io credo che ogni buon padre di famiglia se si accorge che c’è un rubinetto che perde (pur legittimo e che dà acqua a chi ha bisogno) lo aggiusta” – il commento di Mastrapasqua a proposito delle modifiche da apportare in merito al Reddito di cittadinanza.

Leggi anche: Green pass: brutte notizie per parrucchieri, barbieri, estetisti: ecco le nuove regole in vigore dal 15 Ottobre anche per i clienti

Advertisement

Nello specifico l’ex presidente Inps ha sottolineato che sarebbe necessario abbattere le eccessive spese legate all’incentivo: un costo da ridurre provvedendo alla sua elargizione solo alle persone bisognose che ne hanno una reale necessità per provvedere al loro sostentamento.

CONDIVIDI ☞