Come chiudere un conto corrente in banca senza rischiare sanzioni fino a 60mila euro: iter burocratico, tempistiche e la normativa europea da rispettare

Advertisement

Sembrerebbe un’odissea la pratica da sbrigare per chiudere un conto corrente in banca ma in verità si tratta di una semplice e facile procedura, che richiede non molto tempo. Va precisato che se sono richiesti tempi dilatati per seguire l’iter burocratico, è la stessa banca che tende a rimetterci a livello finanziario. È comunque necessario essere previdenti ed accorti quando si decide di chiudere un conto corrente in banca. Per prima cosa è bene specificare che è diverso chiudere un conto corrente dal trasferimento della somma risparmiata da un istituto ad un altro.

Leggi anche: In arrivo il taxi aereo elettrico: un nuovo mezzo di trasporto per facilitare il collegamento tra aeroporto e centro di Roma al costo di 140 euro

In entrambi i casi, non sussiste alcun requisito relativo alla durata: il correntista può autonomamente decidere quando chiudere il proprio conto, rivolgendosi all’istituto di credito che provvederà ad eseguire tutte le fasi e le operazioni richieste dopo aver inoltrato la specifica domanda. Se si procede con la chiusura con passaggio ad un nuovo conto allora spetterà alla nuova banca svolgere le relative procedure.

Advertisement

Come chiudere conto corrente in banca

Come chiudere un conto corrente in banca

Ma prima di chiudere un conto si deve fare attenzione a non avere qualche operazione in sospeso, assegni non incassati, domiciliazioni di bollette non ancora addebitate. Dopo aver concluso le procedure per la chiusura, è necessario riconsegnare libretto degli assegni, bancomat, carte di credito o ricaricabili che sono stati dati al cliente quando ha aperto il conto. Nel caso poi di conti correnti online, al momento della chiusura è necessario seguire un percorso più elaborato che prevede l’invio di una raccomandata A/R per inoltrare la domanda per eseguire le pratiche della chiusura, il numero del conto da estinguere e se si ha intenzione di effettuare il passaggio ad un’altra banca.

Leggi anche: Torna l’ora solare: quando cambia l’orario e quali sono gli effetti dello spostamento delle lancette indietro di un’ora

Advertisement

Le operazioni di chiusura oltre ad essere sicure sono anche gratis e non prevedono commissioni, bisogna però computare i costi per la gestione del deposito, l’imposta di bollo, gli interessi maturati. Per quanto riguarda le tempistiche come stabilito dalla normativa europea la portabilità dei conti correnti prevede la chiusura entro 12 giorni, altrimenti la banca dovrà pagare delle sanzioni dai 5.160 ai 64.555 euro.

CONDIVIDI ☞