Caro bollette, come usare in modo intelligente la lavatrice per ridurre i costi ed evitare gli sprechi

Advertisement

Il caro bollette luce è una realtà con la quale gli italiani hanno dovuto fare i conti già nel corso della seconda parte del 2021, quando i prezzi dell’energia hanno iniziato a schizzare alle stelle per via del rincaro dei costi delle materie prime. Per ridurre le spese è necessario comportarsi in modo virtuoso affidandosi a qualche preziosa nozione di economia domestica, imparando ad utilizzare in modo intelligente gli elettrodomestici più dispendiosi. Infatti oltre a risparmiare sulla voce riscaldamento domestico è bene anche utilizzare gli elettrodomestici in modo intelligente per ridurre i consumi.

Leggi anche: “Conviene lasciare il riscaldamento acceso tutto il giorno o spegnerlo?”: ecco come risparmiare sulla bolletta del gas e riscaldare adeguatamente casa nei mesi freddi

Nel corso di questo nuovo anno diventerà cruciale seguire delle semplici ma vantaggiose tattiche per ridurre le spese relative ai consumi energetici. In questa guida si possono apprendere dei preziosi consigli per risparmiare, utilizzando in casa la lavatrice, tenendo conto di alcune nozioni strategiche quali: la fascia oraria in cui utilizzarla, i programmi di lavaggio da adoperare, la modalità ECO.

Advertisement

come risparmiare con la lavatrice

Caro bollette luce, come risparmiare usando in modo virtuoso la lavatrice

Con dei semplici accorgimenti non solo si possono arginare gli effetti del caro bollette luce ma anche evitare gli sprechi. È possibile ridurre i costi energetici relativi all’uso della lavatrice, adoperandola nelle giuste fasce orarie, di fatto in alcuni momenti della giornata l’uso dell’elettrodomestico risulta meno gravoso. È bene tenere presente il seguente prospetto: nella fascia F1 dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle ore 19, i prezzi dell’energia sono più alti; nella F2 dal lunedì al venerdì, dalle 19 alle 8 del mattino e nella F3 (sabati, domeniche e festività) i prezzi sono più bassi.

Per consumare meno si deve anche fare attenzione ai programmi di lavaggio, al carico ed al modello. Non va trascurata la tipologia dell’elettrodomestico e la sua classe energetica anche se ormai da tempo sul mercato si trovano lavatrici green ossia con classi energetiche A, A+, A++ e A+++. Si tratta di classi che garantiscono un consumo minore rispetto ai dispositivi più datati o comprati qualche anno fa. È opportuno poi evitare i programmi di lavaggio con temperature troppo elevate, optando per la modalità ECO, se la propria lavatrice l’ha in dotazione, così si risparmia sino al 40% di energia rispetto ad un lavaggio normale. Si consiglia inoltre di non optare per la funzione del prelavaggio, mettendo invece il bucato in ammollo per breve tempo e poi inserirli nell’oblò.

Advertisement

Leggi anche: Stangata in arrivo sulle bollette: “Da gennaio 2022 +55% per la luce e +41,8% per il gas”, l’annuncio di Arera

Un altro consiglio utile da ricordare sempre è quello di fare un carico pieno della lavatrice evitando però di eccedere, se troppo piena determina un impiego maggiore di energia in particolare durante la centrifuga. Tra le raccomandazioni da non dimenticare c’è anche quella di fare attenzione a separare il bucato tenendo conto del tipo di tessuto e di sporco che affligge gli indumenti, per eseguire così un lavaggio uniforme che agevola a sua volta l’attività di scarico dei residui, evitando di deteriorare le condizioni del dispositivo da cui dipendono funzionalità e consumi.

CONDIVIDI ☞