Bollo auto 2022, in arrivo aumenti: quali automobilisti saranno costretti a pagare di più ed in quali Regioni sono previsti i maggiori incrementi

Advertisement

Il malcontento degli italiani nei confronti del Bollo auto si appresta ad esacerbarsi, in vista degli aumenti previsti per il 2022. Tutti i veicoli ed i motoveicoli che risultano immatricolati nel nostro territorio nazionale sono tenuti a pagare tale imposta, anche se si tratta di mezzi parcheggiati in garage o che non si adoperano per lungo tempo. Si prevedono degli incrementi significativi per quanto riguarda questa tassa, che come di consueto deve esse pagata entro il mese successivo alla data della scadenza.

Leggi anche: Torna l’incubo dei pignoramenti sui conti correnti degli italiani dopo la fine della tregua fiscale: ecco chi rischia dal 15 dicembre

Dopo i rinvii che sono stati stabiliti nel corso del 2020 a causa della pandemia, in vista del 2022 si ritornerà alla consueta prassi ed anzi si attendono degli incrementi. Una cattiva notizia per gli automobilisti che saranno costretti a pagare di più il bollo auto. Ma si precisa che ogni singola Regione italiana ha libertà d’azione per quanto riguarda questa tassazione: ogni governatore infatti può decidere in maniera autonoma in merito a questo ambito. A livello territoriale quindi si possono registrare diversi scenari che possono sancire sconti, esoneri ma anche un eventuale incremento, tenendo specificatamente conto della situazione economica delle varie amministrazioni comunali e della loro necessità di riempire le casse.

Advertisement

Bollo auto 2022 in arrivo aumenti

Bollo auto 2022: in arrivo aumenti

Questa imposta viene stabilita dalle Regioni, che devono fissarne le modalità di calcolo, ma il suo importo dipende anche dalla potenza del veicolo e dalla sua classe di inquinamento. Così dopo i rincari in bolletta di luce e gas, da ascrivere principalmente alla voce oneri generali di sistema, si affaccia un’altra spesa extra per alcune famiglie italiane, quella relativa al bollo auto. Inoltre dopo la fine della tregua fiscale tutti i cittadini che non hanno pagato il bollo dovranno provvedere a regolarizzare la loro posizione, si tratta di una voce che figura tra i debiti verso l’Erario.

Leggi anche: Scatta l’obbligo di assicurazione sulle auto tenute ferme: lo stabilisce una direttiva dell’Unione Europea che impone la copertura assicurativa

Advertisement

Al momento tra le Regioni che hanno deciso di attuare un rincaro del bollo auto in vista del 2022 potrebbe esserci la Toscana, anche se manca la certezza ufficiale. Sul portale ACI alla voce Guida al bollo auto si possono consultare le informazioni utili che riguardano ogni singola Regione, in alternativa si possono visionare i siti regionali.

CONDIVIDI ☞