Barbara D’Urso rompe il silenzio e rivela tutta la verità sulla scelta di Mediaset di ridimensionare i suoi programmi

Advertisement

Dopo qualche frecciatina social, Barbara D’Urso ha rilasciato le prime dichiarazioni ufficiali a proposito della chiusura dei suoi programmi, come annunciato nel corso della conferenza di presentazione del palinsesto della nuova stagione dei canali Mediaset.

Leggi anche: Gli influencer più seguiti in Italia: la classifica del 2021 delle prime 10 posizioni

A settembre non torneranno Domenica Live e Live-Non la D’Urso come ufficializzato dai vertici aziendali, e la conduttrice a Il Corriere della Sera, ha deciso di rivelare cosa pensa della scelta di Mediaset di chiudere i suoi programmi, svelando anche quello che le ha detto privatamente Pier Silvio Berlusconi.

Advertisement

“Ci saranno proposte di intrattenimento in prime time per me. È un passaggio necessario… Ho parlato a lungo con Pier Silvio Berlusconi, mi ha spiegato il suo punto di vista e lo condivido totalmente: col Covid, la realtà che ho sempre raccontato facendo informazione si è talmente intrisa anche di tragedia, che è sempre più difficile voltare pagina su argomenti leggeri. Mi ha detto: ho bisogno che delle cento anime che hai ne tiri fuori due, una per l’informazione e una per il puro intrattenimento. Per cui è in maturazione una prima serata d’intrattenimento e, dal 6 settembre, riparte l’informazione quotidiana di Pomeriggio 5 sulla rete ammiraglia, con la cronaca di tutti i tipi e la politica, dando spazio anche alle storie di persone comuni e all’Italia positiva che ha valori”.

Barbara D'Urso e la verità sulla scelta di Mediaset

Barbara D’Urso rompe il silenzio sulla chiusura dei suoi programmi

Barbara D’Urso nel corso della sua intervista riportata da Il Corriere della Sera ha voluto precisare che la chiusura di Live-Non è la D’Urso non si deve agli ascolti bassi, come hanno insinuato i detrattori della conduttrice sui social.

Advertisement

Il volto di Mediaset si è poi sbottonata su alcuni suoi prossimi progetti confidando: “Ci sono state un paio di cose che editorialmente non sono piaciute […]. L’editore, prima di presentare i palinsesti, è stato molto insistente nel dirmi che sono stata e sono fondamentale per l’azienda, questo mi ha molto gratificata. L’ha ribadito anche in conferenza stampa, ma non l’ho visto riportato da nessuna parte. […] Parlo solo ora e parlerò coi fatti“.

 

CONDIVIDI ☞