Un 28enne tunisino trova 1.300 euro per terra, dopo averli consegnati ai carabinieri rifiuta la ricompensa: “Era mio dovere, voglio solo…”

Advertisement

Un 28enne tunisino trova 1.300 euro per terra e permette ad un’anziana coppia di rimediare ad una brutta disattenzione, che avrebbe reso triste il loro Natale. Yassine Bellouki dopo aver trovato l’ingente cifra per caso non ha avuto alcun dubbio: così si è rivolto ai carabinieri per trovare i legittimi proprietari. Una bella storia dall’atmosfera natalizia che si è registrata durante la vigilia di Natale a Sarmeola di Rubano, una piccola cittadina in provincia di Padova.

Leggi anche: Clamoroso, scoperto un trucco per ottenere il Super Green pass e per aggirare i controlli: “Basta pagare solo 1.30 euro”

Il giovane tunisino si è trovato davanti agli occhi 1.300 euro in contanti davanti ad un bancomat Unicredit e senza pensarci ha deciso di dirigersi verso la caserma dei carabinieri per denunciare che aveva ritrovato i soldi smarriti per strada.

Advertisement

Un 28enne tunisino trova 1.300 euro e li riconsegna ai legittimi proprietari

La sua buona azione ha permesso ai legittimi proprietari di poter comprare i regali di Natale per i loro cari, in particolare per i propri nipoti e per fare la spesa. I carabinieri hanno dovuto faticare non poco per rintracciare i due anziani, che avevano smarrito l’ingente cifra, alla fine sono riusciti a risalire all’anziana coppia una volta che la filiale dell’Unicredi ha riaperto.

Padova, 28enne tunisino trova 1.300 euro

Leggi anche: Stangata in arrivo sulle bollette: “Da gennaio 2022 +55% per la luce e +41,8% per il gas”, l’annuncio di Arera

Advertisement

Una volta chiamata in caserma, la coppia di anziani si è vista riconsegnare i 1.300 euro direttamente da Yassine che ha ricevuto non solo dei calorosi ringraziamenti da parte di marito e moglie, ma anche la volontà di ricompensarlo per il suo gesto di grande altruismo. Ma il giovane tunisino ha rifiutato qualsiasi tipo di ricompensa dichiarando: “Non merito una ricompensa perché ho solo fatto il mio dovere”. Le sue parole sono state riportate sulle colonne del Corriere del Veneto che le ha direttamente raccolte dai militari, i quali parlando di Yassine hanno confessato che vive da circa 12 anni nel nostro Paese e che ha sempre lavorato, il giovane tunisino ha poi svelato loro che il suo unico desiderio è quello di diventare cittadino italiano.

CONDIVIDI ☞