“Ho avuto il Covid e mi ha lasciato una cicatrice, ma sul Green Pass devo dire questo”: Sergio Castellitto parla della malattia e dice la sua sul Certificato Verde

Advertisement

Bella e molto profonda l’intervista che Sergio Castellitto ha concesso al quotidiano La Verità.

Una chiacchierata non solo sul cinema ma, anche e soprattutto, sulla pandemia e sul tema Green Pass. Castellitto cerca di volare alto, smarcandosi dalle contrapposizioni spesso nocive che il Green Pass ha portato nel nostro Paese. L’attore non rinuncia però a qualche giudizio forte, soprattutto dopo i fatti di Roma, con l’assalto alla CGIL, e gli idranti di Trieste. Dice in apertura Castellitto: “Se non si può accettare che sia assaltata la sede della Cgil, non si può nemmeno accettare che si sparino gli idranti contro i portuali di Trieste”.

Leggi anche: Sequestrati i Green Pass falsi di Pippo Franco e di altri componenti della sua famiglia: emergono nuovi risvolti dall’inchiesta aperta dalla procura di Roma

Advertisement

Sergio Castellitto

Sergio Castellitto parla del virus che lo ha colpito

Prima di approfondire la questione Green Pass Sergio Castellitto ricorda la sua personale esperienza con il Covid . “Non ne ho parlato prima perché non mi piaceva un certo esibizionismo della patologia, dice Sergio Castellitto circa la sua malattia. Quando ne esci tendi a rimuoverla, ma una cicatrice, un senso di fragilità rimane”. Quella fragilità che l’attore intravede ancora oggi nella società nel suo complesso.
“Non ho mai creduto che saremo stati migliori. Rispetto a cosa? Purtroppo il dibattito politico mi dà la sensazione che i rancori e gli odi siano tornati a essere materia da prima serata”.

Castellitto non rinuncia a riflessioni pacate ma molto profonde su ciò che la pandemia ha significato per la società e per il mondo del cinema in particolare. “Dobbiamo ricominciare. L’unico vantaggio è che vincerà la qualità. I rami secchi saranno tagliati e prevarrà ciò che ha davvero un senso” dice Sergio Castellitto sul mondo del cinema e dello spettacolo in generale. L’invito a ritrovare una strada comune l’attore lo esplicita ancora meglio tornando a parlare di Green Pass.

Advertisement

Le dichiarazioni dell’attore sulle contraddizioni del Certificato Verde

“Se non ti schieri completamente da una parte, diventi il nemico e sei etichettato come barbaro. Con chi la pensa diversamente da me, preferisco praticare il confronto anziché il conflitto”. Non ammette violenze ma nemmeno scorciatoie da parte delle Istituzioni e non può ignorare le contraddizioni del Certificato Verde.

“Se salgo su un autobus o nel metro non mi viene chiesto niente, ma senza Green Pass non posso andare a lavorare. In Italia probabilmente serve a selezionare chi accetta le regole e chi no. Le persone che non si vogliono vaccinare, e che per fortuna non sono la maggioranza, continueranno a non farlo. Una democrazia forte dovrebbe saper gestire anche le minoranze dissidenti. Al limite, imponendo l’obbligo vaccinale. Il governo dia le sue indicazioni e si vada avanti, senza criminalizzare nessuno”.

Leggi anche: Un ristoratore non chiede il Green Pass e la polizia lo ‘punisce’mettendo blocchi di cemento davanti al locale: “Entrate, non lasciatevi scoraggiare”, avrebbe detto ai clienti

“Una democrazia forte dovrebbe saper gestire anche le minoranze dissidenti”, dice in chiusura Sergio Castellitto.

CONDIVIDI ☞