Rientra a casa prima del previsto e scopre la moglie a letto con l’amante: l’uomo la massacra di botte. Ecco dove è accaduto

Advertisement

Un 44enne, di nazionalità rumena, rientra a casa prima e scopre la compagna a letto con l’amante: una vicenda spinosa che si è registrata a Trieste, con un epilogo clamoroso. Non è la trama di un film né una barzelletta ma un fatto realmente accaduto, e non si tratta neppure in un caso isolato, spesso si sente parlare di tradimenti scoperti dal tradito/tradita di turno. In questo caso ad avere la peggio è stata lei, la traditrice, che ha subito la reazione a caldo del suo partner, che preso da un impeto di gelosia ha fatto una piazzata plateale trascinandola per i capelli fuori di casa seminuda.

Una vicenda narrata sulle colonne de Il Gazzettino che ha riferito quanto accaduto in una strada di Trieste dove è andato in scena un vero e proprio putiferio. Il compagno tradito, rientra a casa prima perché un temporale lo ha costretto ad interrompere il lavoro da muratore ed una volta messo piede nella sua abitazione si è ritrovato a fare i conti con un’amara scoperta. L’uomo tornato prima del previsto a casa per via di un temporale stagionale, non avvertendo la presenza di nessuno nella sua abitazione ha creduto che la sua compagna fosse uscita per fare spese.

Rientra a casa prima e scopre la compagna con l’amante: in preda ad un raptus di gelosia la trascina per i capelli seminuda in strada

Ma dopo qualche minuto dal suo rientro forzato tra le mura domestiche ha iniziato a sentire dei gemiti di piacere che poi ha identificato provenire dalla camera da letto. Dirigendosi nella stanza del proprio talamo l’uomo ha scoperto l’impensabile: ha trovato la sua compagna a letto con un altro. In preda ad un raptus di gelosia e rabbia, l’uomo ha letteralmente trascinato la donna seminuda per i capelli in strada.

Advertisement

torna a casa prima e scopre

L’uomo ha inoltre sottratto il cellulare alla donna per controllare i suoi contatti e le ha preso anche 50 euro. Una vicenda che ha visto il coinvolgimento dei militari del Nucleo Radiomobile di Aurisina che in collaborazione con i Carabinieri di Villa Opicina e di Basovizza, impegnati nei controlli di retrovalico, hanno effettuato degli accertamenti sull’uomo.

Si è così scoperto che il “tradito”, dopo 14 anni era ritornato in Italia in cerca di condizioni migliori di vita, per poi andare incontro ad un destino ben diverso da quello che si auspicava. Invece di fare fortuna, il 44enne ha finito per avere problemi con la giustizia: infatti contro di lui è stato emesso un mandato di cattura, e deve scontare 4 anni e 7 mesi per rapina. Per quanto riguarda la sua ex compagna, la donna è finita in ospedale dopo aver subito l’aggressione da parte del muratore di nazionalità rumena.

Advertisement

Leggi anche: Omicidio Yara. Massimo Bossetti parla dal carcere, il lungo sfogo dell’operaio: “Cercate la verità, sono innocente”

CONDIVIDI ☞