Pensioni 2022, previsti aumenti da 850 euro: ecco quando scattano e qual è l’entità della rivalutazione

Advertisement

Per il nuovo anno il governo ha annunciato la rivalutazione delle pensioni a partire da gennaio 2022: così gli assegni pensionistici subiranno degli aggiustamenti da ascrivere ad una serie di fattori. A questa nuova misura si aggiunge anche la revisione della soglia di esenzione delle imposte stabilita a 8130 euro con un incremento fino a 8500 euro.  A proposito della revisione delle pensioni 2022, il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra ha spiegato che la no tax area si è alazata a 8500 euro per i pensionati. Rispetto all’anno passato, nel corso del quale non si è effettuato l’adeguamento degli assegni pensionistici, nel nuovo anno si applicherà un adeguamento al 100% sulla fascia che percepisce 4 volte l’assegno minimo Inps; al 90% sulla fascia che riscuote tra le 4 e le 5 volte l’assegno minimo Inps; al 75% sulla fascia che incassa 5 volte l’assegno minimo Inps.

Leggi anche: Stangata in arrivo sulle bollette: “Da gennaio 2022 +55% per la luce e +41,8% per il gas”, l’annuncio di Arera

Un ricalcolo che andrà a favorire la fascia di reddito medio-alta con l’applicazione tra l’altro di nuove aliquote: la prima al 23% fino a 15mila euro di reddito lordi annui; la seconda al 27% si abbassa fino al 25% ed è prevista per redditi annui lordi tra 15mila e 28mila euro; quella al 38% relativa ai redditi fino a 50mila euro lordi all’anno si riduce al 35%. Dal prospetto è stata eliminata l’aliquota al 41%, sostituita da quella al 43% che riguarda i redditi lordi annui che superano il tetto dei 50mila euro.

Advertisement

Pensioni 2022 le rivalutazioni in base alle fasce di reddito

Pensioni aumenti

All’adeguamento degli assegni pensionistici si aggiungerà un’altra novità: la riduzione del carico fiscale in base al reddito, per vantaggiare principalmente i redditi annui lordi compresi tra 50mila e 55mila euro. La rivalutazione delle pensioni 2022 produrrà degli effetti significativi tenendo conto dei redditi annui. In caso di una pensione da 10mila euro l’aumento è di 10200, con incremento di 136 euro; invece una pensione lorda da 14mila euro passa a 14280, con un aumento di 192 euro. Gli aumenti saranno più significativi con un assegno pensionistico più sostanzioso: ad esempio chi percepisce 18mila euro lordi, nel 2022 percepirà una cifra attorno ai 18360, con un incremento di 318 euro, in base alla rivalutazione ed all’applicazione della nuova aliquota Irpef.

Leggi anche: Patenti, nuova stangata per milioni di automobilisti. Cambia tutto, attenzione alla data del rilascio

Advertisement

In caso di pensioni da 22mila euro, l’incremento permetterà un incasso di 22440, ossia più 456 euro. Coloro che percepiscono redditi pari a 26mila euro all’anno, potranno usufruire di un incremento di 593 euro incassando 26520. Una pensione lorda da 30mila euro passerà a 30594, con 687 euro in più. Mentre chi percepisce pensioni da 34mila euro si passerà a 34664, con un incremento di 850 euro. Il più significativo incremento pensionistico riguarderà i contribuenti che incassano redditi tra 50mila e 55mila euro l’anno che avranno 1400 euro in più nel 2022.

CONDIVIDI ☞